Loggia

Official Web Site

www.heredom1224.it

lunedì 27 marzo 2017

Palermo, i massoni del Grande Oriente aprono il tempio | Corriere della Sera



corriere della sera
Massoneria 
Palermo, i massoni del Grande Oriente aprono il «tempio»
«Offesi e arrabbiati» con la Commissione antimafia che ha fatto sequestrare gli elenchi dei 26 mila iscritti, i massoni del Grande Oriente d’Italia aprono per la prima volta ai cronisti in piazzetta Speciale, in pieno centro storico. «Mai avuto rapporti con la mafia»
di Felice Cavallaro



«Offesi e arrabbiati» con la Commissione antimafia che il primo marzo ha fatto sequestrare gli elenchi dei 26 mila iscritti, i massoni del Grande Oriente d’Italia aprono per la prima volta ai cronisti la sede del loro «Tempio» a Palermo, in piazzetta Speciale, in pieno centro storico. E con il gran maestro Stefano Bisi passano al contrattacco: «Chiediamo l’immediato dissequestro, avvenuto in violazione dell’articolo 18 della Costituzione sulla libertà di associazione. Mai avuto rapporti con mafia, ‘ndrangheta e altre organizzazioni criminali, come ho scritto pure a Don Luigi Ciotti che mi ha risposto e che spero presto di incontrare..»”. «La nostra trasparenza» Pacato ma determinato, Bisi, un giornalista toscano di 59 anni, cinto dal collare di Palazzo Giustiniani, giura che le logge non hanno nulla da temere anche in provincia di Trapani dove si indagherebbe sulla cosiddetta «massomafia», per usare una immagine utilizzata dal procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato su presunti obliqui rapporti con i fiancheggiatori dei boss, a cominciare dal latitante numero uno, Matteo Messina Denaro.
«Con riserbo si può indagare su tutto, ma non esiste alcuna prova su rapporti che noi neghiamo con forza aprendo le nostre sedi, mostrando trasparenza», spiega Bisi, mentre si muove sotto una volta illuminata da stelline riflesse da un proiettore, fra colonne doriche, candelabri, squadre e compassi, in una palazzina dove campeggia il tricolore al posto della bandiera rossa che sventolava nel Sessantotto, quando lo stesso edificio era sede di Lotta Continua. Incroci del destino. Ma questo lo sanno solo i reduci del Movimento studentesco. Adesso ci sono avvocati, medici, professionisti in doppiopetto blu, a corona del gran maestro pronto a rivelare un suo carteggio con Don Ciotti dopo l’attacco alla massoneria echeggiato dalla Calabria nel giorno della memoria. Denuncia seguita da una lettera di Bisi: «Gli ho scritto contraddicendo con garbo e don Ciotti ha risposto venerdì alle 14 giustificandosi così…». PUBBLICITÀ inRead invented by Teads ] Massoneria
Palermo, i massoni del Grande Oriente aprono il «tempio»
«Offesi e arrabbiati» con la Commissione antimafia che ha fatto sequestrare gli elenchi dei 26 mila iscritti, i massoni del Grande Oriente d’Italia aprono per la prima volta ai cronisti in piazzetta Speciale, in pieno centro storico. «Mai avuto rapporti con la mafia»
«Offesi e arrabbiati» con la Commissione antimafia che il primo marzo ha fatto sequestrare gli elenchi dei 26 mila iscritti, i massoni del Grande Oriente d’Italia aprono per la prima volta ai cronisti la sede del loro «Tempio» a Palermo, in piazzetta Speciale, in pieno centro storico. E con il gran maestro Stefano Bisi passano al contrattacco: «Chiediamo l’immediato dissequestro, avvenuto in violazione dell’articolo 18 della Costituzione sulla libertà di associazione. Mai avuto rapporti con mafia, ‘ndrangheta e altre organizzazioni criminali, come ho scritto pure a Don Luigi Ciotti che mi ha risposto e che spero presto di incontrare..»”.
«La nostra trasparenza»
Pacato ma determinato, Bisi, un giornalista toscano di 59 anni, cinto dal collare di Palazzo Giustiniani, giura che le logge non hanno nulla da temere anche in provincia di Trapani dove si indagherebbe sulla cosiddetta «massomafia», per usare una immagine utilizzata dal procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato su presunti obliqui rapporti con i fiancheggiatori dei boss, a cominciare dal latitante numero uno, Matteo Messina Denaro. «Con riserbo si può indagare su tutto, ma non esiste alcuna prova su rapporti che noi neghiamo con forza aprendo le nostre sedi, mostrando trasparenza», spiega Bisi, mentre si muove sotto una volta illuminata da stelline riflesse da un proiettore, fra colonne doriche, candelabri, squadre e compassi, in una palazzina dove campeggia il tricolore al posto della bandiera rossa che sventolava nel Sessantotto, quando lo stesso edificio era sede di Lotta Continua. Incroci del destino. Ma questo lo sanno solo i reduci del Movimento studentesco. Adesso ci sono avvocati, medici, professionisti in doppiopetto blu, a corona del gran maestro pronto a rivelare un suo carteggio con Don Ciotti dopo l’attacco alla massoneria echeggiato dalla Calabria nel giorno della memoria. Denuncia seguita da una lettera di Bisi: «Gli ho scritto contraddicendo con garbo e don Ciotti ha risposto venerdì alle 14 giustificandosi così…».
Libera
È Bisi a sintetizzare, leggendo il contenuto della missiva del fondatore di Libera: «Il mio riferimento alla massoneria riguardava la realtà emersa nel corso dell’operazione Gotha, il cui processo penale si sta svolgendo a Reggio Calabria. E’ stata una mia mancanza nella concitazione del momento non precisarlo e me ne dispiaccio, sono solito sottolineare l’importanza di affrontare i problemi in modo attento e approfondito, evitando le generalizzazioni. E’ importante per la massoneria così come per ogni associazione – incluse quelle antimafia – vigilare sulle possibili infiltrazioni della criminalità organizzata, sempre più diffusa e sempre più capace di nascondere la sua presenza sotto mentite spoglie…». Poi una telefonata fra Bisi e Don Ciotti con il gran maestro che spera in un faccia a faccia: «Io l’ho sempre considerato un simbolo di vera antimafia, un prete che è stato e sta accanto a quanti hanno bisogno».