Loggia

Official Web Site

www.heredom1224.it

lunedì 10 aprile 2017

Sarà intitolato a Giordano Gamberini Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia dal 1961 al 1970 il ponte mobile di Ravenna


Lunedì 10 aprile a Ravenna il ponte mobile di via Attilio Monti sarà intitolato all’ex Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Giordano Gamberini. La cerimonia che avrà inizio alle ore 15 culminera’ con la scopertura di una targa. Subito dopo si svolgerà in comune un incontro nel corso del quale verrà ricordata la figura di Gamberini. A tracciarne un ricordo saranno il vice sindaco Eugenio Fusignani, il primo Massaro della Casa Matha Paolo Bezzi, lo storico Pietro Barberini e dall’avvocato Alberto Gamberini in rappresentanza della famiglia. Il Grande Oriente d’Italia è orgoglioso che la figura dell’ex Gran Maestro sia stata oggetto di un così importante riconoscimento.
Esponente di una nobile famiglia ravennate, Giordano Gamberini nacque il 23 giugno 1915. Compì studi non regolari di chimica e farmaceutica senza conseguire la laurea e fu titolare di uno studio professionale e gestore di un ufficio brevetti. Di confessione valdese, fu antifascista e attivo nella Resistenza contro l’occupazione nazifascista. Alla fine della guerra fu segretario provinciale del partito socialdemocratico di Ravenna, vicepresidente dell’Istituto Autonomo Case Popolari e membro del Consiglio di amministrazione della Banca del Monte. Iniziato nella Loggia “Umanità e Progresso di Milano nel periodo di clandestinità della Massoneria durante il governo mussoliniano, fu elevato al grado di Maestro il 22 febbraio 1943. Regolarizzato nella Loggia ‘Dante Alighieri’ di Ravenna fu membro del Consiglio dell’Ordine dal 1945. Fu Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia dal 17 luglio 1961 al 21 marzo 1970 e dal 1966 diresse la Rivista Massonica, organo del Grande Oriente d’Italia.
Fu tra i principali estensori della cosiddetta “Bibbia concordata” nell’ambito della quale tradusse il Vangelo di San Giovanni. Tentò di far rimuovere la scomunica che pesava sui massoni sin dal 1738 dalla Chiesa cattolica e si attivò per ottenere il riconoscimento della Gran Loggia Unita d’Inghilterrà che arrivò però due anni dopo la fine del suo mandato.
In seguito fu maestro venerabile della Loggia “Quatuor Coronati” (670) di Roma, una Officina di ricerche storiche ed esoteriche costituita nel 1967. Morì il 29 giugno 2003.
È autore dei volumi “Mille volti di massoni” (1975); “Attualità della massoneria. Contenti gli operai?” (1978) e “Storia e costituzione della Repubblica Romana attraverso i manifesti” (1981).